Cookies
Consenso Cookies
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Informazioni!
X

SuperAuto, parla Massimo Lazzeri: “il futuro del settore automotive sarà la trazione elettrica"

<< Indietro
“Un tempo il processo di acquisto dell’auto si svolgeva tutto in concessionaria, si passava diverse volte, anche a distanza di molto tempo e si giravano quasi tutti i marchi per farsi un’idea di quello che offriva il mercato. Adesso ci si informa esplorando sul web attraverso i siti dei costruttori e degli operatori per definire una “shopping list”, per poi recarsi nei saloni e fare un’ulteriore scrematura. In due, massimo tre passi si giunge alla scelta definitiva. Questo mutato atteggiamento dei consumatori spiega l’importanza di poter offrire una gamma di veicoli e di relativi servizi, anche post vendita, quanto più ampia possibile. “Quando si rappresenta solo un marchio la consulenza è condizionata in quanto legata alle proposte di un unico e limitato brand – ci racconta Massimo Lazzeri, titolare di SuperAuto. In concessionaria quindi il cliente deve trovare del valore aggiunto, elementi che reputa più attraenti per lui e quelle ulteriori motivazioni che determineranno la scelta definitiva. La nostra consulenza, ruotando intorno alle proposte di 3 brand distinti, con visioni industriali anche molto diverse tra loro, risulta più imparziale e dà la possibilità di poter offrire al cliente una proposta complessivamente più aderente alle proprie aspettative e magari andare anche oltre“. La SuperAuto nasce nel 1986 come autosalone plurimarche e oggi è diventata un punto di riferimento per il settore automotive con la sua sede di Monteriggioni e quella di Grosseto. E’ concessionaria ufficiale per vendita, assistenza e ricambi di Hyundai, Mazda e Honda su tutto il territorio delle provincie di Siena e Grosseto. “Il modo di vendere auto è cambiato molto in questi 30 anni – spiega Lazzeri. Il trend in atto indica chiaramente lo scenario futuro: la scelta dell’auto sarà sempre più condizionata dal web, rendendo di fatto diversa la figura del concessionario tradizionale, che dovrà sempre di più offrire una reale consulenza e traghettare un cliente già molto informato in modalità virtuale verso un’esperienza reale e multisensoriale con quella che sarà la sua prossima auto. Un punto di contatto fisico con la vettura da scegliere, con la struttura che lo accoglie e con le persone con le quali è venuto a contatto e con le quali si relazionerà in futuro nel corso dell’utilizzo della vettura.

Al venditore si richiedono maggiori competenze, oltre alla conoscenza del prodotto anche quelle relative agli innumerevoli piani finanziari ed assicurativi. Resta poi di importanza strategica il servizio postvendita, che deve allargarsi ad offerte aggiuntive”. Il legame con il territorio infine è importante e Lazzeri questo lo sa molto bene: “Può sembrare strano, per qualcuno magari anche anacronistico, ma i rapporti personali rappresentano una motivazione significativa che spinge a scegliere un prodotto piuttosto che un altro. Ci si fida di chi si conosce e si tende a scegliere un prodotto o un servizio anche in base all’empatia che si crea con chi ce lo propone. Da questo punto di vista, il legame che i concessionari auto riescono a stringere con il territorio di cui fanno parte è un’opportunità enorme, a patto però di sapersi costruire una solida reputazione”.

Per quanto riguarda il futuro ecologico dell’auto, questo sarà in gran parte elettrico. “Un futuro più o meno vicino che si svilupperà nell’arco di circa 20 anni. Durante questo percorso di avvicinamento il nostro compito sarà quello di fornire l’auto più vicina alle esigenze dell’utilizzatore sia dal punto di vista tecnico che economico perché dobbiamo dare le migliori soluzioni in ogni momento di questo percorso evolutivo”, conclude Lazzeri.

Link


Vuoi maggiori informazioni? Compila il form qua sotto e verrai ricontattato in brevissimo tempo da un responsabile dello staff Superauto.